30 maggio 2012

Prima guardati questi due video, entrambi girati con una Canon EOS 7D, che poi vediamo assieme come sono riusciti a realizzare questi slow motion estremi senza spendere una fortuna.


Qualche informazione: il video è stato montato con Adobe After Effect, l'effetto slow motion è stato simulato con Twixtor, le gocce di pioggia sono create con Trapcode Particular 2 e, per la ripresa, è stata utilizzata una Canon EOS 7D con Canon EF-S 18-135 mm.

Ed ecco il secondo video:


Anche in questo caso, il video è stato montato con Adobe After Effect; l'effetto slow motion a 2000 fps è stato realizzato con Twixtor e, per la ripresa, è stata utilizzata una Canon EOS 7D.

E' evidente che il "segreto", in entrambi i casi, si chiama Twixtor, un plugin per Adobe After Effect, Premier Pro, Apple Final Cut (express e pro) ed altri programmi di montaggio video che, partendo da un video - possibilmente - a 50/60 fps ricrea, interpolandoli, i fotogrammi necessari per simulare uno slow motion con ripresa a 1000 o 2000 fps.

Ovviamente, anche Twixtor ha i suoi limiti (altrimenti non avrebbero senso le videocamere ad alta velocità), ma quando c'è un budget da rispettare può essere un'ottima soluzione. Per evitare pasticci come quello sotto riportato, in questo articolo di Philip Bloom ("How to best use twixtor for extreme slow motion") trovate alcuni accorgimenti, sia per la fase di ripresa che per il montaggio, per ottenere il meglio da Twixtor.



Ciao
Giovanni B.

0 commenti:

Posta un commento