11 marzo 2013

di Giovanni B.

Le valutazioni del sensore della Leica M9, pubblicati da DxOmark la scorsa settimana, mi hanno fatto pensare: com'è possibile che una macchina fotografica tanto apprezzata come la Leica M9 abbia fornito una prestazione così opaca?

In questo fine settimana ho abbozzato (per l'ennesima volta, in realtà) la risposta: forse gli elementi oggetto di valutazione sono sopravvalutati (e scusatemi il gioco di parole). Si presta - cioè - troppa attenzione alla forma (risoluzione, nitidezza, latitudine di posa) e poca alla sostanza (la capacità di suscitare un'emozione, veicolare un sentimento, instillare un dubbio o raccontare una storia).

Oggi ho trovato questo mio concetto espresso in maniera più articolata sul blog dell'agenzia Black Star. Tradotto, suona più o meno così:
«Dal mio punto di vista, molte buone fotografie, quelle che mi piacciono veramente, a volte non hanno un'esposizione perfetta, o una nitidezza estrema. Quello che mi interessa è come l'immagine riempie il fotogramma: il movimento, l'equilibrio, la composizione. Poi viene il tempo: quello che stava accadendo (o quello che io mi immagino stesse accadendo) nell'istante in cui il fotografo ha premuto il pulsante di scatto. Questa è la fotografia! Se sei perplesso, visita una mostra, apri una rivista di moda o un libro di fotografie dei grandi fotografi contemporanei e vedi cosa rende veramente grande una fotografia. Ti do un aiuto: non è necessariamente un'immagine nitida» (David Saxe, "How to Take Good Pictures") 
L'originale, invece, per chi non si fida delle mie traduzioni è il seguente:
«From my point of view, most good photographs—the ones I really like, are sometimes not that well exposed, or crystal sharp ones. What I am looking at is how the images fill the frame—the movement, the balance, the composition. Secondly, it’s the timing — what was really going on (or what you think was going on) at that precise moment when the shutter was clicked— that’s a photograph! If you are skeptical, just go to a gallery, open a fashion magazine or photography book of current masters to see what really makes a great photograph. One hint—its not necessarily a sharp picture.»
Una buona fotografia, in sostanza, deve suscitare una reazione; tutto il resto (nitidezza, latitudine di posa, risoluzione) è solo il contorno della pietanza principale.

1 commenti: