22 dicembre 2020

12/22/2020

Da un'intervista di Rolling Stone a Renato Zero, con minimi adattamenti miei.

Rolling Stone: Cosa consiglieresti a un giovane che vorrebbe lavorare nel mondo della musica fotografia?

Renato Zero: Prima di tutto che riconosca il proprio talento, con severità e intelligenza. L’esame dovrebbe essere serio, perché se la musica fotografia diventa un rifugio per non prendere in considerazione nessun'altra alternativa, diventa deleterio.

Zerofobia

Si può anche imbracciare la chitarra macchina fotografica e tra le pause di un altro lavoro fare le tue belle suonate fotografie. Anche questo ha un valore, per divertirsi o scaricarsi da certi dispiaceri. Per un certo periodo l’ho fatto anch’io, poi sono diventato un professionista. Ma la musica fotografia, diciamoci la verità, la facciamo soprattutto per noi. E per coinvolgere gli altri è necessario crederci. Se non ci crediamo noi, perché dovrebbero farlo gli altri?

0 commenti:

Posta un commento