8 giugno 2014

Nei giorni scorsi è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83. Credo che la prima, lecita reazione sia: "e quindi?"

Fotografia della statua del Diadumeno

E quindi... dal 1 giugno 2014 è possibile fotografare liberamente nei musei e pubblicare le immagini on-line.
Il citato decreto, infatti, all'art. 12, co. 3, modifica il co. 3 dell'art. 108 del d.lgs. 42/04, e introduce al medesimo articolo il comma 3-bis (questo lo riporto solo per fare un po' di scena), in modo tale che, come scrive il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo:

«Sono libere, al fine dell’esecuzione dei dovuti controlli, le seguenti attività, purché attuate senza scopo di lucro, neanche indiretto, per finalità di studio, ricerca, libera manifestazione del pensiero o espressione creativa, promozione della conoscenza del patrimonio culturale:
1) la riproduzione di beni culturali attuata con modalità che non comportino alcun contatto fisico con il bene, né l’esposizione dello stesso a sorgenti luminose, né l’uso di stativi o treppiedi;
2) la divulgazione con qualsiasi mezzo delle immagini di beni culturali, legittimamente acquisite, in modo da non poter essere ulteriormente riprodotte dall’utente se non, eventualmente, a bassa risoluzione digitale.»


Giovanni B.

3 commenti:

  1. bene!. però c'è una cosa che non capisco, al punto 1 si dice giustamente che non si possono usare luci (quindi flash ecc.) ed è logico perchè ciò potrebbe danneggiare un'opera, non si può toccarla, per lo stesso motivo.. ma che male fa se usiamo un treppiede o un monopiede?. reso ancor più utile data la poca luce che speso circonda un'opera. Sembra quasi una delibera per dire: "E' concesso fare foto, purchè vengano male, scure e mosse.." Comunque meglio di niente, almeno all'aperto non ci sono problemi. Ciao, Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco. L'obiettivo (credo) sia di evitare che si creino code mostruose davanti ad un'opera; hai presente quanto possono essere ingombranti i fotoamatori? :)
      Per quello che mi interessa, l'aspetto interessante di questo decreto è che posso fotografare in un museo. Che, per me, vuole dire poter finalmente fotografare come si relazionano gli spettatori con un'opera, e con il museo stesso (la scorsa settimana sono stato a Parigi, e sono riuscito a fare qualche scatto di questo tipo; se riesco li pubblico questa settimana. Come al solito, un immagine vale cento - talvolta mille - parole). Ciao.

      Elimina
  2. era ora finalmente posso fare foto e video per la mia collezione privata
    e comunque le foto le ho sempre fatte anche di nascosto per esempio ora al museo uffizi di firenze si possono fare le foto e nessuno e dico nessuno me lo puo impedire

    RispondiElimina