I concorsi fotografici che vale la pena tentare (verificate sempre sul sito dell'Associazione Nazionale dei Fotografi Professionisti le caratteristiche di un concorso fotografico rispettoso della professione).

LensCulture Portrait Awards


28 febbraio (early bird) - 30 aprile
Kuala Lumpur International Photoawards - Portraiture (entro il 28 febbraio, da 10$; poi, da 15$)
Grand Prix Images Vevey (da 40€)
Street Photography Award (20$)
2018 Year in Review (20$)

1 marzo
The Biennial Project Biennial 2019 at the Venice Biennale (35 $)
BioPhoto Contest (30€)

3 marzo
The Lume Prize for Art and Technology (48$)

13 marzo
Focus on The Story Award (da 25$)

15 marzo
Kolga Tbilisi Photo Award (30$)

17 marzo
Verzasca Foto Festival - 2019 Nera Prize (20 CHF)

22 marzo 2019
LBS Photography Awards (Gratuita)

31 marzo
Worlds Best Photos (25$)
Eyewin Awards (Prezzi diversi per categoria e periodi di iscrizione)

30 aprile
Worlds Best Photos, già Million Dollar Portrait Prize (25$)

1 maggio
Our World in Focus (10$ per foto)

12 maggio
MonoVisions Photograhy Awards (da 25$)

30 giugno
Vincent van Gogh Photo Award 2019 (da 10€)

7 luglio
Monochrome Awards (early deadline, da 15$)

21 luglio
2019 Chromatic Awards (da 15$)

15 settembre
avic30photocontest (5€)

17 novembre
Monochrome Awards (da 20$)


In bocca al lupo!
Giovanni B.

4 commenti:

  1. Non ho capito se per il concorso monochrome..la foto originale può essere chiaramente convertita dal colore no ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vincenzo. Ti direi di sì.
      Chiaramente, se scatti in RAW il problema non si pone: il file è "a colori" e giocoforza deve essere convertito (ok, a meno che tu non abbia una Leica monochrom...). Ma anche se scatti in jpeg non vedo problemi; viene infatti richiesto che l'immagine invata sia in bianco e nero.

      In bocca al lupo!
      Giovanni

      Elimina
  2. ..è pazzesco!. ormai quasi tutti i concorsi sono a pagamento, così gli organizzatori non si limitano più a elargire un premio (quasi sempre coperto dagli sponsor), in cambio del diritto di usare un mare di immagini raccolte dai partecipanti. Ora vogliono strafare ed essere pure pagati.
    Anni fa' ho partecipato a un concorso del National Geographic, che richiedeva anch'esso dei soldi per partecipare e, leggendo il regolamento, ho visto una lista di paesi dai quali era vietato partecipare, alcuni erano di quelli che l'amministrazione USA definisce "stati canaglia" e vabbeh!. ma poi ho notato anche diversi degli stati uniti, e li ero un po' più confuso, "come mai?" mi sono chiesto, poi leggendo di più ho appreso che in questi stati un concorso con iscrizione a pagamento è considerato una truffa! Beh, li condivido in pieno, anche perché nel caso del National, ad esempio, il montepremi era assai esiguo e perdipiù alcuni dei premi erano degli stage presso il National stesso.
    In ogni caso grazie mille per le notizie che dai puntualmente sui molti concorsi esistenti, in fondo a sfrondare bene, qualcuno ancora pulito si trova...
    Buon week-end, Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco.
      Sul discorso dei concorsi a pagamento, credo che una "barriera all'entrata" possa servire anche a dissuadere chi parteciperebbe tanto per partecipare. Questo vale, ovviamente, quando si parla di importi sui 5-7 euro, non oltre; 20 o 50 €/$ sono troppi anche per me! Comunque, ce ne sono anche molti gratuiti (che adesso non trovi nell'elenco, perchè già scaduti. Ma li ritroverai tra qualche mese, promesso).
      Sul discorso dei diritti d'uso delle foto, ad inizio pagina trovi un link che ti porta al sito dell'Associazione Nazionale dei Fotografi Professionisti. L'ho inserito proprio per i motivi che indichi tu: Bisogna sempre leggere attentamente il regolamento dei concorsi, per essere consapevoli di come le nostre fotografie potranno essere utilizzate dall'organizzatore.
      Buon we anche a te!
      Ciao
      Giovanni

      Elimina