21 febbraio 2017

2/21/2017
ONO arte contemporanea presenta, dal 2 marzo al 23 aprile, "Ernesto Che Guevara Guerrillero Heroico" una personale di Alberto Díaz Gutiérrez, detto Korda, il fotografo cubano conosciuto in tutto il mondo per la foto scattata al Che, probabilmente la più iconica e famosa nella storia della cultura popolare, portata da Andy Warhol nell’empireo dell’arte contemporanea (e, da lì, sulle magliette e sulle bancarelle di mezzo-mondo).

Ernesto Che Guevara, fotografia di Alberto Korda
Ernesto Che Guevara - © Alberto Korda

Quell’immagine è stata non solo simbolo di un’epoca, ma a livello estetico e concettuale può annoverarsi a pieno titolo tra le immagini e le icone pop che anche lo stesso Andy Warhol ha portato nell’empireo dell’arte contemporanea.

Ma la storia di Che Guevara e di Alberto Korda va oltre questo singolo scatto, realizzato - per la cronaca - con una Leica durante un funerale di Stato il 5 marzo del 1960; aullo sfondo Cuba e la rivoluzione, Che Guevara e Fidel Castro, ma anche tutto il milieau culturale di un’epoca, fatto di personaggi di spicco della moda e della letteratura.
Fu Richard Avedon a convincere Korda ad aprire il suo primo studio fotografico e presto Korda, già volontario per la "Rivoluzione", divenne il più importante fotografo di moda cubano .
Nel 1959 gli fu chiesto di documentare la visita ufficiale di Fidel all’Havana e, l’anno successivo, immortalò lo stesso Fidel al Lincoln Memorial, dando vita ad una delle immagini più iconiche del Comandante. Il Che, quando le vide, decise di farsi “seguire” nelle apparizione pubbliche dal suo fidato fotogarafo, con il quale instaurò un rapporto professionale e di amicizia che terminò solo con la morte di Korda, nel 2001.
Le 30 immagini in mostra rimandano ad una Cuba ormai lontana, alla quotidianità di un mondo cristallizzato che sta svanendo davanti ai nostri occhi proprio in questi giorni, con la morte di Fidel Castro e l’apertura di Cuba al mondo.


Alberto Korda "Ernesto Che Guevara, Guerrillero Heroico"
Dal 2 marzo (opening alle 18.30) al 23 aprile 2017
ONO arte contemporanea, via Santa Margherita 10, Bologna
Ingresso libero

0 commenti:

Posta un commento