Le mostre fotografiche in programma per la X edizione del Ragusa Foto Festival

Dal 21 luglio al 28 agosto 2022 torna in Sicilia, a Ragusa Ibla, borgo barocco tra i più belli d’Italia, la decima edizione di Ragusa Foto Festival, manifestazione internazionale dedicata ai linguaggi della fotografia contemporanea e alla valorizzazione di giovani talenti provenienti da tutto il mondo.

I progetti - esposti negli antichi palazzi La Rocca e Cosentini, nel Centro Commerciale Culturale “Mimì Arezzo” (Ex Opera Pia), nell’Auditorium (chiesa sconsacrata) San Vincenzo Ferreri e nel Giardino Ibleo - sono chiamati a stimolare un dibattito e una riflessione sul concetto di armonia, intesa non come assenza di contrasti ma come capacità di mantenere la mente aperta al bene comune, e sulla contributo originale che questo approccio può offrire alle sfide del contemporaneo: la coesistenza tra la ricerca del benessere e la paura dell’incertezza; l'impeto incontrollato della tecnologia; la convivenza tra popoli; la riduzione delle diseguaglianze per mezzo dell’emancipazione dei ruoli e l'inclusione delle parti sociali; la crisi ambientale o l’insalubrità crescente del pianeta.

Le mostre sono aperte tutti i giorni dal 21.07 al 28.08.2022, negli orari dalle 10.30 alle 13 e dalle 17 alle 1.30. Di seguito tutti progetti fotografici che saranno esposti in occasione della X edizione del Ragusa Foto Festival

Artic Zero di Paolo Verzone (Palazzo La Rocca)

Autore di fama internazionale e Canon Ambassador, Paolo Verzone documenta per immagini il cambiamento climatico e le comunità del Circolo Polare Artico. Un lavoro che descrive quello che è necessario per scattare fotografie in uno degli ambienti più complicati al mondo. Nelle giornate inaugurali, la presentazione del libro dedicato al progetto, Spitzbergen, in un talk tra l’autore e Benedetta Donato.

Paolo Verzone


The Ancien Regime di Tim Carpenter (Palazzo Cosentini)

Editore, fotografo, scrittore e co-fondatore della TIS Books, tra le case editrice più importanti nell’editoria fotografica internazionale, del progetto a Tim Carpenter piace il senso di permanenza e solidità che il titolo dona a cose transitorie come case e alberi. Nelle giornate inaugurali workshop "Dall'editing al foto libro” diretto da Tim Carpenter e Jenia Fridlyand.


Double Portrait di Cemre Yesil

Fotografa turca, fondatrice di Filbooks, insegna fotografia alla Instabul Bilgi University, vincitrice nel 2016 al Prix du Livre d’Auteur del Les Rencontres d’Arles. Il lavoro è un’analisi della sua vocazione artistica attraverso la fotografia e una messa in discussione dell’aspetto psicologico della fotografia.


Romanzo Meticcio di Davide Degano (Palazzo Cosentini)

Tra i progetti vincitori la III edizione del Premio New Post Photography indetto dal Mia Fair 2022, tra le più importanti fiere d’arte dedicata alla fotografia in Italia. Lo studio si basa sui significati che la parola ‘colonia’ assume come elemento culturale fondamentale della vita quotidiana e della contemporaneità del Bel Paese, restituendo al medium fotografico una qualità d’inchiesta.


In the Middle di Alfredo Corrao (Palazzo Cosentini)

Fotografo professionista al MIC (Ministero della Cultura) e docente con interesse primario per la documentazione dei beni culturali. In questo lavoro, da un riesame di ciclostilati, volantini e ritagli di giornale, ricostruisce la tensione in un periodo sconveniente della storia d'Italia.


Armonia. Una reciproca comprensione (Palazzo Cosentini)

Collettiva curata da Urbanautica Institute, comprende 17 progetti per 19 autori provenienti da diversi paesi del mondo, È un’esplorazione plurale della complessità che sottende la ricerca dell’armonia. Un percorso a geometrie variabili in cui lo sguardo si muove lungo una trama di ambientazioni, ricordi, suggestioni, prospettive, intenzioni, volti. In questo apparente spaesamento sta al visitatore dover tracciare le relazioni e sperimentare su di sé un possibile compromesso tra le parti. Gli autori in mostra sono: Ciro Battiloro, Marion Belanger, Iole Carollo, Matteo Di Giovanni, Anna Laura Festa, Daniel Fleitas Garcia, Gary Green, Tatiana Grigorenko, Hanne Lamon, Tommaso Rada, Georges Salameh, Maria Siorba, Tim Smith, Rob Stephenson, Luke Swenson & Jack Dash, Alys Tomlinson, Panos, Charalampidis & Mary Chairetaki ‘Mother Motif’ Grecia.

Ciro Battiloro


The Day the Birds Stopped Singing di Rick van der Klooster (Palazzo Cosentini)

Mostra sostenuta dall'Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi e il programma 'Blurring the Lines', partner culturale di Ragusa Foto Festival, che premia ogni anno talenti e tesi di laurea da tutto il mondo. Si tratta di una serie poetica di fotografie sulla sensazione estenuante di crescere in un mondo alla deriva.


I Presidi calabresi di Caritas Italiana (Auditorium San Vincenzo Ferreri, Ibla)

Iniziativa avviata l’anno scorso in partnership con Caritas Italiana e il sostegno di Fondazione CON IL SUD. Quest’anno i due progetti espositivi sono realizzati dai fotografi Carlo Bevilacqua e Pietro Motisi che danno assistenza ai lavoratori immigrati e alle loro famiglie che vivono nelle aree intorno ai Presidi di Crotone e di Oppido-Mamertina Palmi.


Young Photographers from Italian Academies - YPIACall #2 (Palazzo La Rocca, ottobre 2022)

Mostra Collettiva dei finalisti della seconda edizione del concorso fotografico realizzato in partnership con l’Accademia delle Belle Arti di Catania, patrocinato dalla SISF, Scuola Italiana per lo Studio della Fotografia, destinato a tutte le istituzioni italiane di livello terziario per promuovere e valorizzare i lavori dei loro studenti di corsi di fotografi.


Movida Iblea, progetto per il territorio. Percorsi per immagini nell’archivio condiviso di una collettività

Per la costruzione di un archivio fotografico collettivo digitale, documentario e iconografico che racconti la comunità iblea attraverso percorsi di memoria visiva e di storia orale. Nell’ambito del progetto il workshop ‘Il vaso di pandora. Un approccio concettuale all’archivio’ diretto da Alba Zari, giovedì 21 e venerdì 22 luglio.


Sempre a Palazzo Cosentini, infine, in mostra "Hell end in hell", di Giovanni Licitra, progetto premiato come Miglior Portfolio 2021 dalla giuria composta da Alfredo Corrao, Benedetta Donato, Corrado Gugliotta, Donata Pizzi, Susanna Scafuri, Alba Zari, e i progetti con menzione "This was tomorrow", di Barbara Cucinotta e Andrea Iran, e "Nuovo senso. Dobbiamo riversarci interamente fuori di noi per essere" di Greta Valente.

Commenti