18 gennaio 2017

1/18/2017
Non sono un fan sfegatato delle Leica, per la semplice ragione che credo che si possano ottenere le stesse cose spendendo molto molto meno. Questa premessa molto razionale è necessaria perchè, da qui in poi, della razionalità me ne frego.
Per presentare la nuova Leica M10 seguirò quello che mi dice il cuore, non la ragione; l'emozione, non il freddo calcolo economico.


Perchè le Leica hanno un fascino particolare. Beh, non tutte, la la M10 sicuramente sì.

Ed è il fascino che deriva da una tradizione importante, sapientemente richiamata nell'estetica e nelle soluzioni tecniche, e che permette a Leica di continuare a proporre scelte anacronistiche (come la messa a fuoco manuale) o contro tendenza (come l'assenza di qualsiasi accenno alla componente video per la M10): l'importante è fotografare.
La faccio breve: la Leica M10 mi piace. E' vero, costa tanto (6.595$ per il solo corpo sul mercato statunitense), e a quel prezzo mi compro una Fuji X-T2 e una manciata di ottime ottiche Fujinon. Oppure una Fuji X100F, quella che presentano domani, e con i soldi che avanzo mi faccio il giro del mondo. Ma questa è la razionalità che parla, ed ho detto che la razionalità non ha spazio in questo post.

Divagazione finita, torno a parlare della fotocamera. La Leica M10 ha alcuni importanti elementi che la distinguono dagli altri modelli:
anzitutto, le dimensioni
Molti fotografi apprezzano le dimensioni dei modelli M analogici per la perfetta ergonomia e per come stanno in mano. La Leica M10 segna il ritorno a queste dimensioni esatte. La Leica M10 è la più sottile M digitale di sempre.
inutile dire che è una scelta che apprezzo immensamente.


poi la ghiera degli ISO, che Leica stessa definisce "Uno dei cambiamenti più sostanziali"
Per la prima volta in una M digitale, la M10 permette di selezionare tutti i parametri essenziali per la ripresa come distanza, diaframma, tempo e ISO senza dover accedere al menu – o perfino senza accendere la fotocamera.
questo, a onor del vero, per chi ha una Fuji non è una novità. Ma ispirarsi alla cose fatte bene è sempre segno di intelligenza.


la semplicità operativa, che ha portato ad eliminare tutto quello che può distrarre dalla fotografia
Ogni singolo componente e ogni soluzione tecnica nella Leica M10 si concentra senza compromessi sulla fotografia. Ad esempio, vi sono soltanto tre tasti sul dorso della fotocamera: Revisione, Live View e Menu.
e la connettività WLAN
La Leica M10 è la prima fotocamera M con un modulo WLAN integrato. Questo permette di inviare le immagini nel modo più pratico a dispositivi iOS in wireless per condividerle online. Esso permette anche il controllo remoto della Leica M10 via WLAN da smartphone e l'app Leica M. All'occorrenza, dallo smartphone si possono controllare anche parametri importanti come il tempo di posa o funzioni come il rilascio dell'otturatore. Questo facilita lo scatto da angolazioni insolite ed evita il mosso nel fotografare con lunghi tempi di posa
Tra gli altri elementi degni di nota, aggiungo che il sensore full frame da 24mp è stato sviluppato appositamente per la M10, per avere miglioramenti significativi in tutti i parametri che riguardano la resa dell'immagine - gamma dinamica, resa del contrasto, nitidezza e risoluzione dei dettagli - e che anche il ‘Messsucher’ (il mirino/telemetro combinato, vero elemento distintivo delle Leica)  è stato perfezionato: il campo visivo è stato ingrandito del 30%, il fattore d'ingrandimento è stato portato a 0,73 ed è stata incrementata del 50% l'estrazione pupillare (chi porta gli occhiali, come me, ringrazia).


Prima di lasciarti alle specifiche tecniche, un paio di curiosità sulla Leica M10:
  • la calotta e il fondello sono fresati da metallo massiccio, poi levigati e lucidati a mano per 40 minuti;
  • è formata da circa 1100 singoli componenti, 30 dei quali in ottone fresato, 126 viti e 17 elementi ottici.
Possono tornare utili in uno di quegli interminabili dibattiti sui pregi di una fotocamera nei quali noi appassionati siamo sempre bravi a cadere. :)


Ed ora, ecco le...

Specifiche tecniche della Leica M10

Fotocamera a telemetro
Innesto M con sensori addizionali, compatibile tramite apposito anello adattatore anche con le ottiche R
Sensore CMOS full frame da 24mp senza filtro AA
Processore Maestro II
Formato immagine: DNG (raw compressed loss-free), JPEG
Buffer di memoria da 2GB, fino a 16 immagini in sequenza
Slot per schede SD (compatibile SDHC e SDXC)
Misurazione dell'esposizione spot, media ponderata al centro e multiarea
Sensibilità da 10 a 50.000 iso
Esposizione a priorità dei diaframmi o manuale
Funzione focus peaking di assistenza alla messa a fuoco manuale
Syncro flash fino a 1/180 s
HSS possibile con i flash compatibili Leica
Mirino ottico con correzione automatica del parallasse
Indicazione nel mirino dell'are di campo per le ottiche dai 28mm ai 135mm
Monitor TFT LCD da 3" e 1.036,8k pixel
Otturatore meccanico fino a 1/4000s
Scatto in sequenza fino a 5fps (per un massimo di 34/40 immagini)
Menù programmabile
WiFi con modulo WLAN integrato (che permette anche il controllo da smartphone delle fotocamera)
Corpo tropicalizzato in lega di magnesio, fondello e calotta in ottone
Misura 139 x 38,5 x 80mm e pesa circa 660g (con la batteria)
Mirino elettronico opzionale, con sensore GPS integrato

E' tutto
Ciao
Giovanni B.

0 commenti:

Posta un commento