21 settembre 2016

9/21/2016
Monopoli ospita, fino al prossimo 30 ottobre, la prima edizione di PhEST – See Beyond the Sea, un festival dedicato alla fotografia contemporanea che dalla Puglia, guarda al Mediterraneo, ai Balcani e oltre.

PhEST, festival di fotografia contemporanea a Monopoli

Nove i fotografi in mostra, con altrettanti progetti:
  • Migranesimo - Alex Majoli esplora la frammentazione e la polarizzazione dell’identità europea, che sta facendo i conti con la consapevolezza di non poter continuare a isolarsi dalla crisi in corso nel Mediterraneo.
  • Albania - A homecoming - Nato a Tirana, in Albania, ma cresciuto in Grecia, Enri Canaj è tornato da adulto nel suo Paese natale. Il suo lavoro ci offre uno spaccato molto personale di questo piccolo Paese nel cuore dei Balcani.
  • 6th Continet, di Mattia Insolera - Il Mediterraneo del XXI secolo è diventato terreno di discordie: un recinto di filo spinato che divide nord e sud del mondo. Ma non è sempre stato così.
  • Balkan Playground - Michal Korta si è messo in viaggio per esplorare gli Stati Uniti dei Balcani sulla scia dei grandi fotografi di strada americani.
  • I gladiatori di Nettuno - Il primo incarico di PhEST sul territorio pugliese è stato affidato al fotografo Piero Martinello. Durante la sua residenza artistica a Monopoli ha lavorato con la comunità di pescatori che conserva alcuni degli elementi identitari più forti della città.
  • Different shades of blue, di Myriam Meloni - A migliaia nell’Africa subsahariana lasciano i loro paesi nella speranza di una vita migliore in Europa. Molti migranti sono bloccati in Marocco per mesi o anni, in un limbo dove tutto ciò che rimane loro è la speranza.
  • Negative Zero - Zero Negativo è un progetto di Anastasia Taylor-Lind attraverso paesi e regioni in cui la crescita demografica è pari a zero o addirittura negativa
  • A monday in Kabul, di Marieke van der Velden - Di solito vediamo Kabul al notiziario quando si verifica l’ennesima esplosione. Ma cosa succede un normale pomeriggio, quando invece non accade nulla?
  • When Dreams Become Necessity, un video di Driant Zeneli che indaga la portata di alcuni tentativi performativi con l’obiettivo di ridefinire l’idea di fallimento, utopia e sogno come momenti fondamentali per la costruzione di una possibile alternativa (cosa significa? non lo so!)
Se ci vai, mi mandi qualche foto da condividere?
Giusto per farsi un'idea degli spazi espositivi e degli allestimenti, come ho fatto per il Cortona on the Move.

Ciao, e grazie!
Giovanni B.

0 commenti:

Posta un commento