16 settembre 2016

9/16/2016
Dal 16 settembre al 16 ottobre 2016 Sony espone, allo Spazio Tadini di Milano, le fotografie vincitrici e finaliste del Sony World Photography Awards, il più grande concorso fotografico al mondo.

Mostra delle foto vincitrici del Sony World Photography Awards


I visitatori potranno ammirare scatti che abbracciano tutti i generi fotografici, dalla fotografia commerciale a quella di viaggio, al fotogiornalismo, con una moltitudine di soggetti che spaziano dal ritratto, allo sport, all’architettura, ripercorrendo le diverse categorie in cui il concorso è suddiviso e per le quali le fotografie sono state proposte.
In esposizione, tra gli altri, i 3 italiani vincitori della categoria Professionisti, Marcello Bonfanti (Ritratto), Alberto Alicata (Fotografia in posa) e Francesco Amorosino (Natura Morta), il vincitore del National Award, Christian Massari, e la vincitrice della categoria Panorama dello Youth Award, Anais Stupka.

Riconoscimenti che impreziosiscono il portfolio dei vincitori fornendo forti motivazioni per il prosieguo della loro carriera professionale, come dichiara Alberto Alicata: "Grazie alla vittoria ai Sony World Photography Awards il mio lavoro ha avuto una grandissima visibilità. Ho ricevute tantissime richieste di collaborazione e ho capito ancor di più il valore del mio progetto. Sarebbe bello vincere un premio ogni anno! Fingers crossed".

Premiato per i suoi scatti che ripercorrono la storia della fotografia e dei suoi grandi maestri ricorrendo a un simbolo della cultura occidentale moderna, la Barbie, si affianca a Francesco Amorosino, che ha voluto porre l’attenzione sulle storie di chi affronta ogni giorno il duro lavoro nei campi: "Vincere il Sony Award è un'emozione difficile da descrivere e sono contento di averlo fatto con un progetto di fotografia non solo di Still Life, ma anche concettuale e sociale. Il premio ha prima di tutto cambiato l'atteggiamento nei miei confronti: ho ricevuto molta più attenzione da colleghi e photoeditor. Nel concreto poi mi ha portato a insegnare Still Life presso La Placa Academy di Roma, che ha Sony tra i suoi partner. Infine ha rafforzato la mia convinzione che la fotografia concettuale può dire tanto e vedere che finalmente anche in Italia viene apprezzata maggiormente mi rende molto felice".

Il concorso prevede anche l’assegnazione di un premio nazionale all’interno della categoria Open, che ha visto quest’anno trionfare Christian Massari: "Questa vittoria è stata sicuramente un riconoscimento indimenticabile! Grazie a essa ho potuto far conoscere molti dei miei lavori in Italia e nel Mondo. Molti mi hanno scritto per congratularsi e ho iniziato alcuni progetti interessanti che spero di presentare presto da qualche parte. Sicuramente ha dato una marcia in più anche alla mia creatività!".

Ma il merito dei Sony World Photography Awards è anche quello di dare spazio e visibilità a giovani fotografi emergenti e aspiranti tali, come dimostra il riconoscimento assegnato ad Anais Stupka, a soli 12 anni la più giovane dei vincitori nella categoria Youth: "Questo premio mi ha cambiato la vita, in particolare aver ricevuto una macchina fotografica professionale! Mi ha ispirato ad applicarmi con più serietà alla fotografia. Inoltre ho deciso di creare un progetto di beneficenza che consiste nel regalare macchine fotografiche usate a ragazzi meritevoli. Ho iniziato regalando la macchina con la quale ho scattato la foto vincente. Per ora l'ho fatto solo attraverso il mio canale Instagram, ma a breve creerò un sito per lanciare questo progetto".


Sony World Photography Awards
Spazio Tadini, Via Jommelli 24, Milano
Orari: mercoledì 15.30-19.00, giovedì-venerdì e sabato 16.00-22.00, domenica 15.00-19.00
L’ingresso è gratuito per coloro che hanno la tessera dello Spazio, mentre chi non ne è in possesso potrà acquistare una tessera temporanea della durata di un mese al costo di 2€, per visitare la mostra anche più volte.

0 commenti:

Posta un commento