19 ottobre 2018

10/19/2018
1
"Vale la pena partecipare ad un corso di fotografia?"
E' una domanda ricorrente. Personalmente, ritengo che un corso base di fotografia possa essere adeguatamente sostituito da buone letture e tanta, tanta pratica. In fin dei conti, per iniziare a fotografare servono ben poche nozioni: tempo, diaframma, iso e lunghezza focale e sei a posto.


Quando, però, ti accorgi che saper esporre correttamente non ti basta più, e che gli elementi base della composizione iniziano ad andarti stretti, può essere utile tornare in aula: per quella che è stata la mia esperienza (soprattutto grazie alla disponibilità del fantastico Max Angelonipoter passare qualche ora affiancato da un fotografo professionista non ha prezzo e permette di acquisire tutta una serie di conoscenze e nozioni sulle quali poi, impostare, lo studio personale.

C'è un "però", grande come una casa grande: l'offerta di workshop e di corsi di fotografia è immensa e, in non pochi casi, i docenti sono improvvisati.
Per evitare di buttare via i soldi, quindi, qui trovi una selezione di workshop; quelli che, considerato il docente, può essere utile seguire.
Ti stupirà scoprire che, in molti casi (non tutti!), un workshop di fotografia costa molto molto meno di un nuovo obiettivo, o di un nuovo corpo macchina, ma è un investimento che rende di più.

Workshop di street photography

Street photography workshop con Eolo Perfido - Milano, 27-28 ottobre (chi è Eolo Perfido?)
Street Photography con Fulvio Bugani - A personal vision - Roma, 17-18 novembre (chi è Fulvio Bugani?)

Workshop di ritratto

Breve workshop di ritratto con Enzo Dal Verme - Verona, 18 novembre (chi è Enzo Dal Verme?)

Workshop di fotografia creativa

Workshop di fotografia creativa con Franco Fontana - Napoli, 19-21 ottobre (chi è Franco Fontana?)


Se ti è stato utile, condividi per cortesia!
Ciao
Giovanni B.
Next
This is the most recent post.
Post più vecchio

1 commenti:

  1. Sono d’accordo con te. Purtroppo reality come Master of Photography stanno creando dei mostri. I fotografi ciarlatani esistono invece da sempre.

    RispondiElimina