24 ottobre 2014

10/24/2014
Nei suoi primi 50 anni di vita, e prima dell'avvento delle fotocamere digitali, il CERN (ovvero l'Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare, nei cui laboratori è stato osservato per la prima volta il Bosone di Higgs) ha "accumulato" nei suoi archivi quasi 250.000 fotografie.

Due fotografie dall'archivio del CERN

E' ora in corso un progetto di digitalizzazione: fino ad ora sono state lavorate quasi 120.000 fotografie, risalenti al periodo 1955-1985.
Purtroppo, a quanto pare, per alcune fotografie non è disponibile alcuna informazione (chi sono le persone ritratte? quale esperimento è in corso? cos'è questo strumento? robe così, insomma), il che rende impossibile qualsiasi ricerca successiva.

Il CERN ha quindi chiesto aiuto per cercare di dare un senso alle fotografie prive di dati: se riconoscete una persona, o uno strumento, o ritenete di avere qualche altra informazione utile, potete segnalarlo direttamente al CERN via email.
La prima serie di fotografie "sottoposta al nostro esame" può essere vista qui.


Ciao
Giovanni B.

0 commenti:

Posta un commento