1 luglio 2014

7/01/2014
2
Attenzione, aspiranti fotografi e videoperatori: il MUSE, il Museo delle Scienze di Trento, sta cercando "un team di fotografi e videomaker che abbia il desiderio di documentare con il proprio personale sguardo"la festa per il primo (?) anno di attività del museo, "occasione di festa, incontro e scoperta per tutta la comunità".

Fonte: Muse.it

Avrai la possibilità, se scelto, di lavorare dalle 16 alle 2 di notte (ma probabilmente dovrai arrivare un po' prima e andartene un po' dopo) e di cedere tutti i diritti sulle foto stampate per un compenso forfettario di 50 euro (lordi, si intende).

5 euro lordi all'ora: così si ammazza il settore professionale e si distrugge il valore della documentazione fotografica.

Spero che nessun fotoamatore/videoperatore presenti la propria candidatura; ancora meglio, spero che i "6 fotografi non professionisti e n. 3 video- maker" selezionati presentino lavori all'altezza del corrispettivo riconosciuto.


Giovanni B.

2 commenti:

  1. ..è il solito schifo, e tra l'altro non è il peggio!. in fondo qui ci si rivolge a dei non professionisti che vogliono farsi vedere e vengono definiti volontari, proprio per la simbolicità del rimborso spese.. e il cliente è un museo (pubblico, spero), quindi, magari, cronicamente a bolletta. Ma di fronte ai concorsi banditi da blasonate riviste o noti marchi della fotografia, che si creano un archivio sterminato con le foto dei concorrenti, e non si limitano a crearselo gratis, si fanno pure pagare 10-15-20 $ a foto, in modo che anche gli sparuti premi assegnati non saranno pagati di tasca loro.. beh, di fronte a questo mi dico che è proprio la fine dell'onestà.
    Buona giornata a tutti e concentriamoci sulla "luce", Francesco

    RispondiElimina
  2. una donna delle pulizie prende mediamente euro 10,00 all'ora....

    RispondiElimina