24 aprile 2014

4/24/2014
"Bella". Questo è il commento di mio figlio di 5 anni quando l'ha vista. Ed effettivamente, bella la Leica T lo è davvero, con il corpo in alluminio e le linee pulite e minimaliste (frutto della collaborazione con Audi). Ma, ovviamente, la Leica T non vuole essere solo bella da vedere, ma anche piacevole da usare. E' la prima fotocamera mirrorless ad ottiche intercambiabili con sensore APS-C di Leica, ed adotta un nuovo innesto, denominato "T". Ma questo è solo l'inizio.


Impossibile non partire dall'estetica della Leica T: il corpo è ricavato, dal pieno, da un mattoncino di alluminio, e poi lucidato a mano per 45 minuti. Non mi credete? Se avete 45 minuti da buttare, potete seguire l'operazione in tempo reale nel video qui sotto.


Il disegno minimalista è causa (o effetto?) della scelta di convogliare la regolazione di tutte le funzioni (tranne tempi e diaframmi) sul monitor tattile (fisso da 3,7" e 1,3 milioni di pixel), che copre interamente il dorso della fotocamera. Per inciso, secondo Steve Huff* "Usare il nuovo sistema touchscreen è una gioia assoluta. Semplice, lineare, veloce e molto intuitivo. Non ho mai visto niente di simile in qualsiasi altra fotocamera".

Fotografia della Leica T

Tempi (da 30 a 1/4000 secondo) e diaframmi, invece, si gestiscono tramite due ghiere splendidamente affogate nella calotta superiore dove, accanto al pulsante di scatto, compare il solo pulsante per la registrazione video (Mpeg4, FullHD @30p). Fine: non ci sono altri pulsanti, ghiere o volgari joystick in tutto il resto del corpo.

Fotografia della calotta superiore della Leica T

Sotto il corpo (134 x 69 x 33 mm e 380 grammi, sottile e leggera ma più lunga della concorrenza) si nasconde il sensore CMOS APS-C (23.6 x 15.7 mm) da 16,5 megapixel, privo di filtro anti-aliasing, già visto sulla Leica X-Vario, abbinato ad un nuovo processore, ben 16 gb di memoria integrata (scelta veramente inusuale ma non sgradita), e il sistema Wi-Fi integrato che consente sia il trasferimento delle immagini dalla Leica allo smartphone/tablet/pc, sia il controllo completo della fotocamera da remoto.
Il quadro è completato dall'autofocus a rilevazione di contrasto ("Posso dirvi che la Leica T è quasi a livello delle altre fotocamere mirrorless quanto a velocità di messa a fuoco, e batte alla grande i vecchi modelli Fuji precedenti la X100S e la X-T1", secondo Steve Huff*), dalla sensibilità che dai 125iso si estende fino a 12500iso, dallo scatto in sequenza fino a 5fps e dal piccolo flash integrato.
Quanto costa tutto questo?
Molto, molto meno di una Leica M: 1.850$. Ma molto più della concorrenza

La Leica T è stata presentata con due obiettivi, il Vario-Elmar-T 18-56mm f/3.5-5.6 ASPH (equivalente ad un 28-85mm) e il Summicron-T 23mm f/2 ASPH (equivalente ad un 35mm). Anche in questo caso, i prezzi sono nettamente superiori alla concorrenza: rispettivamente (circa) 1.700$ e 1.800$.
La gamma di obiettivi disponibili si esapnderà nei prossimi mesi, e già a settembre, in tempo per il Photokina, saranno presentate nuove ottiche specifiche per il sistema T (tra le quali uno zoom tele 55-135mm e uno zoom grandangolare 11-23mm). Ovviamente, tramite l'apposito anello adattatore (il Leica M-Adapter T, del costo di circa $300) è possibile utilizzare tutte le ottiche Leica ad innesto M.

Tra gli accessori, viene proposto un mirino elettronico esterno da 2,36 milioni di punti, che integra un modulo GPS. Anche in questo caso il prezzo non è popolare, circa 600$.

Fotografia della Leica T con il mirino elettronico esterno (EVF)

Sul sito Leica c'è uno spazio dedicato alla Leica T e, in giro sul web, ci sono, ovviamente, anche le prime impressioni di chi l'ha già provata:
  • "fino a che non hai la possibilità di vederla realmente, di prenderne in mano una e di scattare delle foto, non puoi capire quanto è veramente stupenda e fantastica la nuova Leica T" (*Steve Huff)
  • "la Leica T non è la fotocamera più veloce che ho provato, neppure tra le mirrorless. Ma è silenziosa, poco appariscente e fa il suo lavoro" (pdn pulse)
  • "La Leica T si è rivelata una fotocamera veramente piacevole da usare. La messa a fuoco, almeno con il 18-56mm, è al livello delle altre mirrorless, anche se non è tra le migliori. Inoltre, è assolutamente silenziosa. Le due ghiere permettono di regolare tempo e diaframma comodamente con il pollice, ed il monitor restituisce un'immagine sufficientemente fedele dell'esposizione" (dpreview)
  • "Complessivamente, ha buone prestazioni in ogni ambito - ma l'interfaccia utente e la qualità costruttiva la pongono in una categoria a parte, rendendola una fotocamera ben più interessante di molte altre mirrorless. Ed è un peccato che il prezzo, molto probabilmente, ne limiterà la diffusione, anche tra quelli che la desiderano veramente" (Ming Thein)

Giovanni B.

0 commenti:

Posta un commento