4 febbraio 2014

Grazie al fotografo Max Angeloni, ieri sera ho avuto l'opportunità di un primo contatto con la Fuji X-T1; come per tutti (o quasi tutti) i nuovi prodotti è facile cadere nell'entusiasmo, ma non posso nascondere che le mie prime impressioni sono superiori alle mie (alte) aspettative.

Fotografia della Fuji X-T1

Sinteticamente, ecco le mie impressioni di ieri sera:
  • la X-T1 è costruita bene, è piacevole da maneggiare e dà una bella sensazione di solidità; 
  • le dimensioni sono compatte, sembra addirittura più piccola della Fuji X-E2 (anche se le misurazioni dicono che hanno la medesima larghezza) e, grazie all'impugnatura accentuata, la presa è sicura;
  • l'autofocus (modalità "scatto singolo") è veloce, molto veloce; non so dire se sono proprio 0,08 secondi, ma mi è sembrato molto vicino :) . E, ieri sera, la luce disponibile era poca. Resta da vedere come funziona in modalità "autofocus continuo";
  • il mirino è veramente grande, luminoso, con una buona riproduzione dei colori ed un'immagine stabile e senza ritardi. Quanto di più simile, al momento, ad un mirino ottico. Nessun confronto con i mirini elettronici visti, ad esempio, su X-E2 o OM-D E-M5. Sono ora curioso di provare le diverse modalità di visualizzazione (full, normal, dual);
  • rivedendo le immagini sul monitor della X-T1, i colori sono splendidi, in piena tradizione Fuji (grazie, Max, per aver suggerito le impostazioni "giuste"), belle le ombre e belle le luci. Ma la qualità d'immagine non è mai stata un punto debole delle fotocamere Fuji.
Purtroppo non ho immagini da mostrare; quelle che avevo scattato sono veramente inguardabili (chiedo venia). Confido, comunque, di poter pubblicare al più presto una prova completa della X-T1.


Giovanni B.

0 commenti:

Posta un commento