2 novembre 2013

La prima volta che ho visto le fotografie di Ami Vitale sono rimasto, come dire?, affascinato e folgorato: ecco cosa significa "disegnare con la luce".


Ma le "belle fotografie", per lei, sono finalizzate unicamente a dare adeguata testimonianza alle persone che incontra ed alle loro storie:
Non penso che una fotografia possa cambiare il mondo. Ma penso che ne possa minare le fondamenta.
Il lavoro di Ami Vitale da 13 anni testimonia i problemi del mondo femminile, dalla povertà alla salute. E il suo desiderio di vedere dei cambiamenti l'ha portata a unirsi a Ripple Effect Images, un'organizzazione fotografica - fondata da Annie Griffiths - che mette il proprio archivio fotografico a disposizione di altre organizzazioni che si impegnano per il cambiamento.
Raccontiamo storie importanti, ma che non appaiono nelle prime pagine - dice Ami Vitale - Sono la chiave per collegare le cose e per permettere alle persone di impegnarsi per fare la differenza

Ciao
Giovanni B.

0 commenti:

Posta un commento