4 novembre 2013

Finalmente ecco le foto della Nikon Df (fonte: nikonrumors): praticamente una reflex strizzata (ma neppure troppo) in un corpo che coniuga linee antiche con linee moderne.
Lontano anni luce dalle interpretazioni vintage sino ad ora viste, che fanno delle dimensioni contenute un punto di forza. La Nikon Df no: a quanto è dato vedere è grossa, massiccia e sfrontatamente ingombrante.

Fotografia della Nikon Df nel colore nero e argento
La Nikon Df nei colori argento e nero

L'elemento dominante è indubbiamente il voluminoso pentaprisma, affiancato da altrettanto voluminose ghiere: quella per la compensazione dell'esposizione (+ o - 3EV, a passi di 1/3 EV), quella per la selezione dei tempi e quella per la selezione della sensibilità. Un tuffo nel passato!

Fotografia della Nikon Df

Il display LCD è piccolo, con le sole informazioni essenziali (carica della batteria, tempo di scatto, diaframma, pose rimanenti), un po' come su alcune Contax; una (piccola) ghiera permette di scegliere la modalità di scatto (automatica, manuale, priorità dei tempi o dei diaframmi), mentre la scelta tra scatto singolo o continuo è affidata ad una leva che emerge dalla ghiera dei tempi.
Il pulsante di scatto è filettato; sarà così possibile (come sulle Fuji X) usare uno scatto flessibile. Meccanico, ovviamente.
Altro tuffo nel passato

La calotta della Nikon Df

Il dorso, inevitabilmente, è quello dal look più contemporaneo: tanti pulsanti, apparentemente tutti dedicati solo alla fotografia e non al video; una ghiera per l'impostazione del diaframma (in modalità manuale o a priorità di diaframma) e il selettore della modalità di misurazione dell'esposizione (spot, media ponderata, matrix).
Accanto al mirino (ottico? ibrido?) la relativa, immancabile correzione diottrica.

Il dorso della Nikon Df

Veniamo al prezzo: 2.747$ per il solo corpo, 2.997$ per il kit con il 50mm f/1.8. Non proprio popolare, ma in linea con la concorrenza.

Per finire, mi piace? A dire il vero, dalle foto direi di no: troppo massiccia per i miei gusti. Però noto con piacere che Nikon ha avuto il coraggio di lanciare un prodotto diverso dalle sue solite reflex digitali.
Adesso toccherebbe a Canon farsi sentire...

Ciao
Giovanni B.

0 commenti:

Posta un commento