25 ottobre 2013

«Siamo al Photo Plus Expo a New York, e uno degli stand più affollati è quello dulla Fuji, che mostra la nuova XQ1 e X-E2, assieme agli altri modelli di quest'anno, la Fuji X20 e la X100S» (dpreview)

«Quello che ho visto oggi al Photo Plus è che c'è un ENORME interesse per la Sony A7-A7r, così come per la nuova RX10. L'Olympus è popolare con la nuova E-M1, mentre Nikon e Canon sono le solite Nikon e Canon con i loro soliti aggiornamenti delle reflex. (yawwwn)» (Steve Huff)

Banner del Photo Plus Expo a New York

Proprio ieri sera pensavo al dinamismo di alcuni marchi (Sony, Olympus, Panasonic, Fuji) e all'incapacità di Nikon e Canon di fare un proposta credibile al di fuori delle DSLR, la loro "riserva di caccia": la EOS-M e la Nikon 1 non hanno scaldato cuori e menti come hanno fatto le Fuji X, la Panasonic GF1 prima e GX7 poi, la serie di Olympus PEN o le rivoluzionarie Sony A7.

E oggi, oltre allo sbadiglio di Steve Huff quando accenna a Canon e Nikon, a conferma delle mie riflessioni leggo su Bloomberg che Canon ha rivisto le proprie previsioni, riducendo l'utile atteso da 260 a 240 miliardi di yen; per la prima volta, questo è dovuto ad un calo delle vendite delle macchine fotografiche ad ottica intercambiabile.
E il Financial Post parla già delle "grandi aziende produttrici di macchine fotografiche" come del prossimo caso BlackBerry.

Ciao
Giovanni B.

0 commenti:

Posta un commento