17 luglio 2013

Definire Steve Huff "entusiasta" della "nuova" Sony RX1R è un eufemismo: sprizza entusiasmo da ogni parola e riga scritta. E' vero, la RX1R è identica in tutto, tranne che per l'assenza del flitro Anti Aliasing, alla RX1, ma questo particolare sembra fare la differenza. Almeno stando alle sue parole:

«Sony, con la RX1, era andata molto vicina a darci delle immagini con il l'aspetto e la profondità di un medio formato, ed ora con la RX1R è ancora più vicina. ...

Fotografia della Sony RX1R

Dopo avere provato la RX1R posso tranquillamente dire che non sono affatto deluso e sebbene non ci siano differenze straordinarie rispetto alla vecchia RX1, per me sono assolutamente visibili. Non solo nella visualizzazione al 100% e nelle stampe, ma per qualche motivo sembra che ci sia un po' più di micro contrasto perchè l'immagine che ottengo dalla "R" sembra più vivace, come con la mia vecchia Leica M9 ma con una gamma dinamica incredibilmente più ampia. ...

Ho fotografato per mesi con la Leica Monochrom, una fotocamera dedicata al bianco e nero da 7000$, e l'unico bianco e nero che può competere con quello della Leica per nitidezza, dettagli, tonalità e ricchezza è quello della RX1R. ...
I toni sono diversi, più bianchi e più neri rispetto ai grigi della Leica MM ma, di nuovo, adoro il bianco e nero della RX1/RX1R. Profondo e ricco, come dovrebbe essere. Buona parte del merito lo attribuisco all'ottica Zeiss, che ha un grande contrasto, vivacità e nitidezza.»

Il post di Steve Huff ("The Sony RX1R Review. Medium Format quality in your pocket. Almost.") è corredato da molte foto e si chiude con una comparativa fotografica tra la Sony RX1, la Sony RX1R, la Leica M 240 con l'ottica zeiss 35mm Biogon e l'Olympus E-P5 con il 17mm f/ 1.8. Dare un'occhiata non fa male, fosse anche solo per sbiraciare tra le foto.


Giovanni B.

0 commenti:

Posta un commento