14 giugno 2013

La prova della Panasonic Lumix G6 pubblicata da Camera Labs è, molto probabilmente, la più completa ed esaustiva che si possa trovare su internet o su di una rivista: non solo rivolta come un calzino la G6, ma la mette a confronto con la Panasonic Lumix G5, con la Panasonic Lumix GH3 e con la Canon EOS 100D

Fotografia della Panasonic G6

Rimandandovi all'articolo originale per tutti i dettagli, mi concentro sulla traduzione (come al solito piuttosto libera) delle considerazioni finali di Gordon Laing:
«La Panasonic G6 è una delle fotocamere più piacevoli ed appaganti da me usate: sfoggia un formidabile set di funzioni che è l'invidia delle concorrenti e una qualità di immagine che è al livello dei sensori APS-C da 18 megapixel della Canon.
E' pronta a rispondere, la messa a fuoco è estremamente veloce e precisa anche in condizioni di scarsa luce, quando altre fotocamere abbandonano il campo. La connessione WiFi è una delle migliori realizzazioni che si possa trovare in giro...

Ciò che la Lumix G6 non può dare è una qualità d'immagine superiore a quella del modello precedente, nè a quella del modello ancora anteriore. ... Questa apparente mancanza di sviluppo del sensore sembra rappresentare un vero problema per molte persone, ma se quello che conta è la qualità dell'immagine la G6 regge il confronto con le ultime reflex Canon con sensore APS-C da 18 megapixel, sia per quanto riguarda la risoluzione, sia per quanto riguarda la il rumore....
La G6 può anche offrire la stessa qualità d'immagine della G5 e, prima ancora, della G3, ma è nettamente superiore quanto a mirino elettronico, velocità di autofocus (che riesce a focheggiare anche in condizioni proibitive per altre fotocamere della stessa fascia di prezzo), funzionalità video ben più consistenti compresa la regolazione manuale dell'esposizione, la regolazione del livello audio, l'ingresso per un microfono esterno e la funzione di focus peaking... 
Ovviamente la G6 non è perfetta. Per cominciare, trovo frustrante l'assenza di un modulo GPS integrato. ...
E poi c'è l'autofocus. Sì, è più veloce che in precedenza e, sì, funziona anche quando la luce è poca, ma parliamo sempre della modalità di messa a fuoco "singola", non di quella "continua", che non è mai stata un punto di forza dei sistemi a rilevazione di contrasto come quelli micro-quattroterzi. ...
E poi c'è la questione della qualità d'immagine: sì, la qualità d'immagine della Lumix G6 è pari a quella di una DSRL Canon con sensore APS-C da 18 megapixel, ma queste sono le fotocamere più vendute, non quelle cherappresentano lo stato dell'arte quanto a qualità dell'immagine. Il sensore X-Trans della Fuji, o quello che equipaggia la Nikon Coolpix A, dimostrano che in questa fascia di prezzo si può ottenere qualcosa di più. Anche se nessuna di queste due, a mio parere, offre complessivamente lo stesso piacere che si ha fotografando con la Lumix G6 ...»

Se state cercando una fotocamera in questa fascia di prezzo, potrebbe interessarvi dare un'occhiata anche al confronto tra le caratteristiche della Canon EOS 100D, EOS M e della nuova 700D.


0 commenti:

Posta un commento