16 maggio 2013

Neal Krawetz, esperto di sicurezza informatica a tutto tondo, ha accusato (ingiustamente, come si vedrà poi) il fotografo Paul Hansen di aver pesantemente manipolato la fotografia vincitrice del premio World Press Photo 2012, che sarebbe addirittura il risultato della composizione di più immagini.


La fotografia di Paul Hansen vincitrice del World Press Photo 2012
La fotografia di Paul Hansen vincitrice del World Press Photo 2012
Questa fotografia era già stata al centro di discussioni subito dopo l'assengnazione del prestigioso premio, perchè erano evidenti (nè erano stati negati) gli interventi in post-produzione, ma fino ad ora non erano mai stati sollevati dubbi di questa portata.

In estrema sintesi (ma il post non lo volio linkare, per non fargli inutile pubblicità gratuita) gli elementi che Krawetz cita a sostegno della sua tesi sono: l'immagine è frutto di un ritaglio o di una riduzione; la luce sui volti delle persone non è coerente con la posizione del sole, le persone al centro dell'immagine sono molto più luminose delle altre; la fotografia risulta essere stata lavorata in più occasioni.
La conclusione è lapidaria:
"I cannot tell you about the original picture(s), but I can tell you that the controversial picture is definitely not original."
Il World Press Photo, senza fare esplicito riferimento alle accuse di Krawetz, ha disposto una verifica interna. Dopo aver confrontato il file raw ed il file jpeg, gli esperti nominati dal WPP concludono che:
"... è evidente che la fotografia pubblicata è stata ritoccata sia nei colori che nei toni. Oltre a questo, non abbiamo trovato evidenze di manipolazioni significative della fotografia, o di composizione di più foto"
Potete leggere le valutazioni dei periti del WPP qui: "Digital photography experts confirm the integrity of Paul Hansen’s image files". Personalmente, reputo attendibile questa valutazione.

Tutto bene quel che finisce bene, no?

No, secondo me no.
Perchè, al solito, l'atto di accusa, ripreso da siti e blog, è stato letto da molte persone, anche non del settore, mentre la successiva smentita del WPP è stata letta dai soliti, pochi appassionati del settore. E per un fotogiornalista come Hansen che vende, sostanzialmente, la credibilità delle proprie immagini questo è un bel danno.

Giovanni B.


Leggi anche:

2 commenti:

  1. In effetti se l'accusa è falsa è giusto dirlo. A parte questo, però, penso che l'immagine in questione si abbandoni a esercizi di "stile" che poco hanno a che fare col fotogiornalismo, e meno ancora col dramma raffigurato. Mi sembra invece una provocoazione con fini pubblicitari, e di pubblicità, a questa foto, le polemiche ne hanno fatta molta.

    RispondiElimina
  2. Ciao.
    Se consideri che il mio fotografo preferito è Eugene Smith, puoi capire che nei confront degli interventi sulla fotografia e sulla "scena" sono piuttosto "tollerante".

    In questo caso, poi, non mi sembra che snaturino il senso della fotografia: da sempre ci sono stati "esercizi di stile", anche nel fotogiornalismo: già optare per il colore, piuttosto che per il bianco e nero, esprime una chiara scelta del fotografo che "trascende" la rappresentazione del fatto.

    Cmq, temo che entrambi sappiamo che questo è un argomento sul quale anche in futuro si continuerà a discutere.
    L'argomento è, cmq, tornato alla ribalta anche in seguito alla scelta di alcuni fotogiornalisti di utilizzare, per i propri reportage, applicazioni quali Instagram o Hipstamatic... ci scriverò qsa al più presto.

    Ciao e grazie
    Giovanni

    RispondiElimina