13 luglio 2012

«Robert King, fotogiornalista per l'agenzia Polaris, dice che non ha mai visto nulla di simile.
A 45 anni, King non è propriamente un novellino. Si è fatto le ossa a Sarajevo, e puoi stare certo che ogni fotografo di guerra ti dirà che il conflitto Jugoslavo non è stato una passeggiata. Ha seguito il conflitto Ceceno, una guerra "sporca", come tutte del resto.
Ma nulla l'avrebbe potuto preparare a ciò che avrebbe visto in Siria. Ha dovuto schiacciare le sue emozioni per testimoniare ciò che sta capitando: "Se permetti alle lacrime di annebbiare i tuoi obiettivi, sei inutile"» (A Photo Editor)

2 commenti: