1 dicembre 2011

Domenica 4 dicembre a Milano, dalle 10 alle 19, allo spazio Il Fischio, presso la Fabbrica del Vapore (via Procaccini 4) il GRIN, Gruppo Redattori Iconografici Nazionale, promuove una vendita di foto d'autore per sostenere il progetto di COOPI "Orfanotrofio di Grafton, Sierra Leone. Una nuova casa di accoglienza per bambini disabili".
All'iniziativa hanno già aderito grandi maestri e giovani talenti: Gabriele Basilico, Gianni Berengo Gardin, Luciano Bobba, Francesco Cito, Cesare Colombo, Mario de Biasi, Franco Donaggio, Maurizio Galimberti, Giovanni Gastel, Moreno Gentili, Francesco Giusti, Roberto Masotti, Davide Monteleone, Antonella Monzoni, Cristina Omenetto, Federico Patellani, Piero Raffaelli, Claudio Sabatino, Toni Thorimbert, Gérard Uferas… E molti altri.

Grafton è un villaggio che si trova alla periferia di Freetown, capitale della Sierra Leone. Verso la fine della lunga guerra che ha devastato il Paese, il governo ha deciso di trasferire a Grafton tutte le persone vulnerabili, soprattutto amputati, disabili e senza tetto, che si trovavano fino a quel momento nel centro della città. Nel 1996 la signora Melrose Kamara (Mama Melrose) ha iniziato a raccogliere i bambini disabili che erano stati abbandonati dai loro genitori e, disabile lei stessa e costretta su una sedia a rotelle, ha avviato l'orfanotrofio con quattro bambini. Dal 2009 COOPI sostiene i bambini (che oggi sono 24), accolti nell'orfanotrofio da Mama Melrose. Ai piccoli, oltre alle cure mediche, al cibo e all'istruzione, sono garantite attività creative per assicurare loro il diritto al gioco e al tempo libero.

(Foto di Giovanni Chiaramonte)

0 commenti:

Posta un commento