22 dicembre 2011

E' per un puro caso che mi trovo a scrivere di Haiti. E lo faccio perchè mi sono imbattuto in due reportage fotografici anni luce dalle fotografie del dopo terremoto, e molto distanti tra di loro.

Il primo si intitola "23º, Far from Paradise", di Benjamin Rusnak, ed è un bellissimo documentario sulla vita ad Haiti; in bianco e nero come - secondo gli standard correnti - conviene al fotogiornalismo impegnato, ma capace di scorrere lontano dai clichè del reportage fotografico, anche grazie ad un sapiente uso del formato panoramico e ad un'incredibile composizione delle immagini.

Il secondo è "Haiti, 15 Months Later…", ed è la piacevole sorpresa di vedere Bruce Gilden impegnato in un progetto fotografico lontano dai palazzi di New York. Sorpresa che deriva, lo ammetto, dalla mia ignoranza sull'attività giornalistica di questo fotografo, per cui tendo sempre a rilegarlo alle spiagge di Coney Island ed agli sventurati passanti della Grande Mela.

Entrambi i reportage sono ospitati, assieme a molti altri, sulle pagine di burn magazine, e non è un caso.
Valutate l'idea di iscrivervi alla loro mailing list.

0 commenti:

Posta un commento