3 novembre 2011

Home page del programma Makeover365 per il ritocco dei ritratti fotografici
Qualche giorno fa mi sono trovato nella casella postale (quella elettronica, si intene!) la presentazione di Makeover365, un software per il ritocco digitale dei ritratti fotografici.
Poichè nella versiona base è gratuito e viene detto che può essere usato anche on-line (se non lo si vuole scaricare), non mi sono degnato di approfondire la questione.
Sono troppo superiore a questi programmini per principianti.

Oggi, che il mio ego si è ricondotto a più giusta misura, ho deciso di fare un giretto on-line, tanto per provare.
Ovviamente ci sono delle fotografie di prova, e parto da lì. Il risultato è notevole, ma è ovvio, sono fotografie di prova.

C'è però anche la possibilità di caricare delle proprie foto... mmm, non ho granchè sotto mano se non qualche vecchia foto delle vacanze (estate 2005), ma provare non costa nulla.

Esempio di funzionamento del programma per il ritocco dei ritratti fotografici

Carico una foto e, dopo una breve attesa, il dettaglio del volto appare, al naturale, nel riquadro di elaborazione. Provo i 4 stili proposti (natural, lavander, ocean breeze, honey) e, caspita, funzionano davvero!
L'elemento comune a tutti gli stili è l'eliminazione di ombre sotto gli occhi, l'ammorbidimento della pelle, eliminando o riducendo eventuali imperfezioni, lo sbiancamento dei denti. Poi, a seconda dello stile prescelto, viene sottolineato il contorno degli occhi e delle labbra, leggermente allungato il viso etc. Ma se fate un giro di prova vedete con i vosti occhi.

I pro di questo programma, quindi, sono evidenti: funziona, la versione base è gratuita (e quella a pagamento non dovrebbe superare i 30$), è disponibile anche on-line, permette di scegliere tra stili differenti.

Ma ci sono anche dei contro: anzitutto, vi sconsiglio di usarla per ritratti maschili, se non limitandovi ad applicare lo stile "natural". Gli altri sono evidentemente studiati per volti femminili. In secondo luogo, questo - come tutti i programmi analoghi - restituisce un'immagine che, per quanto ben fatta tecnicamente, è molto omologata agli standard attuali. Visi uniformemente ovali, occhi uniformemente grandi, labbra uniformemente marcata. Intendiamoci, lo stile applicato non snatura assolutamente il volto ritratto, ma lo omologa, tutto qui.

Come tutti gli strumenti, va quindi usato cum grano salis: può essere ottimo in certe occasioni, meno adatto in altre.
Per quello che ho visto on-line, comunque, giudizio positivo.

2 commenti:

  1. Un software simile a questo, ma ancora più semplice da usare è FotoEdit Portrait...
    Lo consiglio! E' scaricabile gratuitamente sul sito http://www.fotoedit.it

    RispondiElimina