14 novembre 2011

Al liceo il prefessore del corso di fotografia mi diede una Holga, dicendomi "Prova questa, e impara a sfruttarne le imperfezioni". Ricordo lo sviluppo della prima pellicola e l'emozione che mi diedero la vignettatura e le infiltrazioni di luce prodotte da quelle lenti di plastica. Questo trasformò il mio modo di intendere la fotografia - dal tentativo di riprodurre la realtà al desiderio di fornire un'interpretazione delle emozioni che ne ricevevo.
Questa è la mia piuttosto libera traduzione di un passaggio dell'intervista a Kevin Systrom, uno dei fondatori di Instagram, intervista che trovi qui (Oversaturated: Is Instagram's Popularity Changing Photography?) e che ti consiglio di leggere per intero.

Ciao
Giovanni B.

0 commenti:

Posta un commento