21 settembre 2011

Nikon ha finalmente alzato il sipario sulla sua mirrorless, denominata Nikon 1, disponibile in due modelli, la Nikon1 J1 e la Nikon 1 V1.

Molte delle caratteristiche erano già state anticipate dai "rumors" sul web, ma vediamo di riepilogare le principali.

Fotografia della Nikon 1 V1 e J1

Le due fotocamere montano un sensore CMOS da 10 megapixel e di dimensioni compatte (13,2 x 8,8 mm), più piccolo quindi dello standard Micro Quattro Terzi. Se lo svantaggio teorico è quello di un maggior rumore ad alti ISO, e di una minore profondità di campo dell'immagine, il vantaggio è la possibilità di realizzare ottiche più compatte.

E, infatti, è stata presentata una serie di obiettivi dedicati, caratterizzati da un innesto innovativo, denominato "baionetta 1-Mount Nikon".

La memorizzazione delle immagini (in formato RAW, JPEG e RAW + JPEG) è affidata a Card di memoria SD (Secure Digital), SDHC e SDXC, tipico per Nikon anche su reflex di fascia alta (ad esempio la D7000).

La V1 presenta, inoltre, un mirino elettronico da 0,47 pollici e 1440 k punti, con controllo delle diottrie e regolazione della luminosità; entrambe presentano un monitor LCD TFT da 3" (7,5 cm) con regolazione della luminosità, ma con diversa risoluzione: 460 k punti per la J1 e 921 k punti per la V1.

Fotografia del sistema Nikon 1

L'adozione di un ottoratore elettronico (anche meccanico sulla V1) consente di arrivare ad una stupefacente raffica di 60fps (!); al di là dell'aspetto puramente tecnologico, mi domando a cosa possa servire scattare 60 fotografie al secondo.

Il range ISO è molto contenuto (100-3200, fino a 6400) rispetto alle ultime proposte, ma questa è una scelta che riesco a comprendere se i 1600 ISO si dimostreranno effettivamente utilizzabili (3200 penso di non averli mai usati, se non quando fotografavo con la pellicola in bianco e nero).

L'autofocus è ibrido (a rilevazione di fase/a contrasto di fase), ed è presente un illuminatore ausiliario; la messa a fuoco può essere a punto singolo (135 punti) o per aree di messa a fuoco (41 aree).
La misurazione dell'esposizione può avvenire con sistema matrix,  ponderata centrale (cerchio di 4,5 mm al centro del fotogramma), spot (cerchio di 2 mm sull'area di messa a fuoco selezionata).

Complete le funzioni del flash (incorporato nella J1, con hot shoe per la V1): oltre alla compensazione del lampo (da -3 a +1 EV in incrementi di 1/3 EV), sono previsti fill flash, sincro su tempi lenti, riduzione occhi rossi, sincro su tempi lenti con riduzione occhi rossi, sincro sulla seconda tendina, seconda tendina con sincro su tempi lenti.

Ovviamente, completo anche il settore video con la possibilità di acquisire filmati HD a 1.920 × 1.080/30p (60 interlacciati) (codifica H.264/MPEG-4) e microfono incorporato stereo con sensibilità regolabile.

Il tutto in un corpo macchina molto compatto: 11,3×7,6×4,3cm e 383g di peso (con batteria e card di memoria, 294g il solo corpo macchina) per la V1 e 10,6x6,1x2,98 cm e 277g (con batteria e card di memoria, 234g il solo corpo macchina), a grandi linee le dimensioni delle nuove Sony Alfa NEX 5N e NEX C3.

Per tutte le altre caratteristiche, rimando alle pagine del sito Nikon dedicate alla Nikon 1 J1 e alla Nikon 1 V1.

Ciao
Giovanni B.

2 commenti:

  1. 800 e passa euro ?
    Questi sono pazzi !

    RispondiElimina
  2. Rimango dell'idea che, tra le mirrorless, è meglio guardare a Sony, Panasonic od Olympus. Speriamo nella Canon...

    RispondiElimina