1 settembre 2010

Inutile nascondersi dietro una foglia di fico: il fotogiornalismo è in crisi. Chiudono storiche agenzie fotografiche, chiudono i siti dedicati (l'ultimo è The Digital Journalist, in stand by dopo una presenza decennale sul web); quale altro segnale attendiamo per convincercene?

E' quindi il momento di assumersi le proprie responsabilità, e di sostenere chi si sta impegnando per garantire un futuro al fotogiornalismo di qualità.

La proposta è di quelle interessanti: un sito di crowdfunding per finanziare progetti fotogiornalistici. sarà lanciato ufficialmente all'inizio del 2011, ma già adesso potete farvi un giro sul sito. Se vi interessa, digitate emphas.is nella barra di navigazione del vostro browser.

PS: siccome credo che il fotogiornalismo sia uno strumento indispensabile per conoscere il mondo in cui viviamo, mi permetto di chiederti un'aiuto: puoi segnalare questa iniziativa ai tuoi amici appassionati di fotografia, di fotogiornalismo, o semplicemente curiosi di quello che accade nel mondo? Puoi farlo anche cliccando su uno dei pulsantini qui sotto, per condividere rapidamente la notizia su Twitter, Facebook, Google Buzz o per e-mail. Grazie!

2 commenti:

  1. Interessante iniziativa e con dietro nomi importanti del fotogiornalismo internazionale. Staremo a vedere nel 2011. Il crowd funding esiste già da anni ma credo che Emphas.is abbia qualche idea in più. Comunque vada, complimenti per il coraggio.

    RispondiElimina
  2. Assolutamente vero: Emphas.is ha in testa qualcosa di un po' diverso dal "classico" crowdfunding. Ma siccome non ho compreso bene il meccanismo che vorrebbero applicare, aspetto il 2011.

    Ciao

    RispondiElimina