28 marzo 2010

Sabato, come programmato, sono andato al Photoshow di Roma per togliermi un po' di curiosità.
Anzitutto vedere i risultati del sistema fotografico tridimensionale della Fuji, poi le mirrorless Panasonic.

La Fuji per scattare foto 3D


Ecco qualche considerazione:
La fotografia in 3D. Fujifilm ha presentato il suo sitema fotografico tridimensionale: macchina fotografica, monitor dedicato e stampe. Il monitor di Fuji percorre la strada della visualizzazione tridimensionale senza il ricorso agli "occhialetti", ma i risultati sono modesti, troppo modesti. Molto più interessanti le stampe fotografiche che, effettivamente, ti fanno dire "wow". Ma siamo in presenza di una tecnologia ancora troppo giovane, e che non so quanto si possa sostituire alla fotografia bidimensionale. Insomma, il 3D in fotografia è, al momento, un giocattolo costoso rivolto più agli appassionati dei gadget "ultima novità" che ai fotografi (anche se fotografi della domenica come me).

Il mirino elettronico. Panasonic esponeva tutte le sue macchine fotografiche, così ho potuto prendere in mano la Lumix DMC-G2 e la DMC-GF1 (quest'ultima è il mio desiderio inconfessato, lo ammetto). E ho potuto constatare che la qualità di un mirino elettronico è ancora lontana da quella di un pentaprisma. Per carità, il mirino della G2 offre un'immagine molto dettagliata e nitida, ricca di tutte (o quasi) le informazioni che si possono solitamente visualizzare nel monitor e con una copertura del 100% dell'immagine ripresa. Ma, soprattutto con i soggetti in movimento veloce, la differenza con i mirini ottici si vede ancora. Questione, comunque, giusto di qualche anno e l'elettronica avrà pareggiato i conti anche tra mirini elettronici e pentaprisma. Piuttosto deludente, invece, il mirino della GF1.

Televisori 3D. Non sono andato al Photoshow per vedere i televisori 3D, anzi, ero abbastanza indifferente a questa novità. Passato davanti allo stand della JVC ho voluto comunque provare e... beh, è fantastico! Certo, devi indossare gli occhialini, ma il risultato è veramente straordinario! Quantomeno da provare.

Ciao
Giovanni B.

0 commenti:

Posta un commento