7 gennaio 2010

Lo scorso mese di dicembre è uscito in edicola (al prezzo tutto sommato competitivo di 3,90 euro) il primo numero di Photo professional, una nuova rivista dedicata (ma guarda un po') alla fotografia, con la curiosa scelta di orientarsi in modo particolare al mondo delle macchine fotografiche e degli obiettivi Canon (o Canon compatibili).




Il nome non tragga in inganno: la rivista non si rivolge ad un pubblico di professionisti, ma a quei fotoamatori che, avvicinatisi da poco alla fotografia, desiderano approfondire le proprie conoscenze.

Contrariamente ad altre proposte, photo professional si presenta con un linguaggio comprensibile, con prove di obiettivi fatte "sul campo" e raccontate a parole, e non con diagrammi o schemi incomprensibili ai più, e con test delle macchine (era in prova la Canon EOS 7D) che tengono conto del loro mercato di riferimento.

Mi è piaciuta? Per lo più sì. Non ho una grande stima della maggioranza dei mensili dedicati alla fotografia, che reputo adatti giusto a riempire le ore di attesa dal medico o in metropolitana, ma photo professional mi è piaciuto perchè parla il mio linguaggio, non è pretenzioso pur restando tecnicamente corretto, e corregge con educazione gli errori nelle immancabili fotografie dei lettori.

Non mi sono piaciuti, invece, i consigli sull'elaborazione digitale delle immagini, troppo orientati a manipolare l'immagine anzichè a correggerla. Manca, anche, un "listino" delle macchine e degli obiettivi: è vero che su internet si trova tutto, ma poichè le riviste me le leggo proprio quando non ho l'accesso a internet, e quando ho tempo libero per sognare, mettetemi un listino per fare quegli inutili confronti tra macchine fotografiche che poi (purtroppo) non compererò mai!

Adesso aspetto di leggere e il secondo numero (già in edicola).
Giovanni B.

2 commenti:

  1. ciao,
    scrivo dalla sardegna...e vorrei sapere come si possono recuperare gli arretrati della rivista...
    aspetto una risposta.
    sara

    RispondiElimina
  2. Ciao Sara
    anzitutto un "per favore" o "grazie", anche se sei su internet, non fanno mai male.

    Puoi ordinare gli arretrati sul negozio on-line dell'editore della rivista (Sprea) al seguente indirizzo: http://www.spreastore.it/

    Ciao
    Giovanni

    RispondiElimina