20 gennaio 2010

Dopo Grazia Neri, chiude un'altra agenzia fotografica, la francese Oeil Public:
Dear friends,
Oeil Public photographers have made a decision to end the 15 years old agency's story. We thank you all for your faithful support.
Oeil Public was a team of independant photographers, united through their involvment. And a tool adapting to its members' practices to fight for their independance, their points of view, their freedom.
From its very first stories, Oeil Public photographers asserted their involvment to understand the world after a strong editorial line. They investigated for the press, giving priority to an in-depth approach over simple illustration.
Its photographers have permanently explored the ways of story-telling in documentary journalism.
They such made Oeil Public a research lab and a united undertaking.
The press economic crisis has now made production of photo-stories impossible.
Photojournalism practices have to be thought hard today.
Oeil Public is no longer fitted.
Oeil Public closes eyes today, to allow its members to keep theirs wide open.
See you soon...
Oeil Public
A questo scarno comunicato segue una sintesi fotografica dei 15 anni di attività dell'agenzia, e l'elenco dei fotografi con la descrizione dei progetti che stanno sviluppando.

Nonostante lo sforzo di mantenere un atteggiamento positivo ("l'agenzia chiude gli occhi oggi, per permettere ai suoi membri di tenerli ben aperti"), la verità è una: "la crisi economica dei quotidiani ha reso impossibile la produzione di foto reportage. La pratica del fotogiornalismo deve essere profondamente ripensata".

Cosa aggiungere? Niente, quello che dovevo dire l'ho già detto: siamo in una società in cui il gossip ha preso il posto dell'informazione.
Ma così, dove crediamo di andare? E quanto lontano pensiamo di andare?

0 commenti:

Posta un commento