10 novembre 2009

A pochi mesi dalla presentazione della E-P1, che ha suscitato grande interesse, l'Olympus presenta la E-P2.
Poche le modifiche sostanziali e tese per lo più a sanare le pecche del primo modello; i "nostalgici" (e io sono tra questi) che ancora non si adattano a lavorare sui monitor delle macchine digitali, possono ora comporre l'immagine nel mirino elettronico che copre il 100% dell'immagine e che, con 1440K pixel, vanta una risoluzione SVGA. Da verificare, invece, la capacità del mirino di riprodurre fedelmente soggetti in rapido movimento.
Interventi anche sull'autofocus, del quale si lamentava l'eccessiva lentezza, con l'introduzione di un nuovo sistema di Continuous Autofocus che permette di agganciare e mantenere a fuoco i soggetti in movimento.
Se già la E-P1 permetteva di registrare filmati in Full HD, la E-P2 permette anche la regolazione manuale dei parametri di acquisizione.
Nessuna novità, invece, sul fronte flash incorporato (nel senso che anche la nuova E-P2 non ha il flash incorporato).
Insignificanti le altre novità introdotte.

Bella, infine, la nuova livrea completamente nera.

Leggi le prime impressioni sulla E-P2 su dpreview e su pdn.

0 commenti:

Posta un commento