13 novembre 2009

A chi si domanda a cosa serve il fotogiornalismo e aggiunge sconsolato che una foto non cambia il mondo, mi sento di rispondere che il fotogiornalismo, seppur con tutte le sue ambiguità, ci aiuta a preservare la memoria e a liberare (dopo anni, magari) la storia dalla sua retorica.

Così, per non dimenticarci cos'è la guerra moderna, vi lascio a questa fotografia [*].

Prima Guerra Mondiale, fotografia di soldati morti in trincea
[*] Tratta dalla mostra "La guerra a colori", promossa dalla Provincia e curata da Reinhard Schultz della galleria Bilderwelt di Berlino, sessanta fotografie a colori della prima Guerra Mondiale, il conflitto che meno di un secolo fa sconvolse Europa, Medio Oriente, Africa e Asia Orientale con oltre dieci milioni di morti. Roma, Palazzo Incontro, via dei Prefetti 22, orario: 10-19, fino al 6 gennaio 2010.


Giovanni B.

0 commenti:

Posta un commento