22 luglio 2009

In contemporanea sono arrivate nella mia casella e-mail due notizie:
La contemporaneità di queste due notizie è sicuramente figlia del caso, ma è un "caso" interessante e intrigante, che mi porta a domandarmi "come" fotograferemo tra cinque anni. Insomma, già il passaggio da pellicola a digitale è stata una rivoluzione, poi sono arrivate le reflex che producono video Full HD, il prossimo passo sembra la realizzazione di immagini tridimensionali (e poi non ci restano che gli ologrammi).

Tra le due notizie, quella che più mi incuriosisce è la proposta della Fujifilm, anche perchè (delle due) l'unica pronta ad affrontare il mercato (la ricerca di Youtube è ancora in fase embrionale).

Fujifilm propone un intero sistema per la produzione di immagini tridimensionali, composto da una macchina fotografica digitale, la FinePix Real 3D W1 e da un monitor per la visualizzazione delle immagini in 3d; inoltre, gli acquirenti della FinePix Real 3D W1 potranno accedere ad un servizio di stampa ad alta risoluzione e tridimensionale (sic) delle loro fotografie. Da quanto anticipato nel comunicato stampa, inoltre, la macchina fotografica potrebbe produrre sia fotografie tridimensionali, sia video tridimensionali, oltre che lavorare come una normalissima macchina fotografica "2D" da 10 megapixel.

Pur ribadendo che il mio interesse per la fotografia guarda, in questo momento, più al passato (inteso come pellicole, macchine fotografiche meccaniche, bagni di sviluppo e camera oscura) che al futuro, non posso nascondere una curiosità estrema per questa nuova proposta.
Curiosità destinata ad aspettare, perchè tutto questo sarà disponibile solo da settembre 2009 (peccato, sarebbe stato interessante provarlo in queste vacanze estive), ed il prezzo non è stato ancora comunicato. E, per inciso, sul sito italiano della Fujifilm ancora non se ne parla

0 commenti:

Posta un commento